Come investire in azioni della Borsa di Wall Street

In campo economico e finanziario, la borsa per eccellenza è senza dubbio quella di Wall Street, luogo simbolico dell’economia del mondo, ma anche fonte di possibili guadagni importanti. E’ per questo motivo che molti investitori anche europei o italiani scelgono sempre più spesso di affacciarsi al mercato statunitense, ancora in più in un periodo politico come quello in corso, che vede una serie di novità oltreoceano, prima tra tutte l’ascesa al potere di Trump.

L’importanza delle azioni a Wall Street

L’influenza che gli States esercitano sul mondo intero è infatti innegabile, e tale influenza di rispecchia anche sull’economia globale. Non sono solo le grandi multinazionali americane a giustificare questa affermazione, ma più in generale la politica egemonica di questa realtà, che sembra non perdere il proprio primato anche davanti all’ascesa di nuove potenze come quella cinese o brasiliana.

Si tratta, riassumendo, di un mercato senza dubbio attrattivo, ma che bisogna conoscere bene, soprattutto nelle sue differenze rispetto a Piazza Affari. Bisogna per prima cosa tenere presente che negli States hanno sede le principali multinazionali, da Apple a Cisco, da General Elettric a Microsoft, capaci di influenzare l’andamento del’economia mondiale e di trascinare con sé anche una serie di realtà più piccole. Contemporaneamente,  una notevole influenza è esercitata anche dalle varie banche americane. Alle grandi aziende, si accostano anche il più attivo mercato di opzioni e futures.

I meccanismi base di funzionamento sono naturalmente uguali a quelli italiani, variano tuttavia gli orari (dalle 15,30 alle 22,30) e le modalità di apertura. Se in Italia infatti tutti i titoli aprono nello stesso momento, negli States un titolo apre solo previa chiamata e questo determina un ritardo di alcuni minuti in alcuni casi.

Altro fattore da tenere in considerazione è la mancanza degli stop di borsa, fattore che può determinare ricavi importanti, ma anche perdite importanti. Chiarita quindi la diversificazione e la dimensione di questo mercato, è possibile analizzare le migliori possibilità di investimento offerte appunto da Wall Street.

Strumenti di investimento

Diverse sono le tipologie di investimento che si presentano. Coloro che hanno la possibilità di bloccare un capitale per diverso tempo, ad esempio, possono optare per i fondi, che nel mercato americano investono quasi esclusivamente negli States.

La scelta dei fondi, come sempre, è influenzata da fattori quali il settore di riferimento, l’orizzonte temporale, le azioni incluse nel fondo, in capitale iniziale e i guadagni attesi. Un’altra possibilità è offerta dagli EFT. Si tratta di un segmento molto variegato, ma il prodotto più diffuso è senza dubbio il tracker, che tiene conto e ripropone l’indice sottostante. Il prodotto è molto liquido, gestisce un elevato numero di scambi e soprattutto permette di investire anche cifre minime.

Una ulteriore possibilità è rappresentata dall’investimento in titoli specifici, evenienza che richiede naturalmente una buona conoscenza dell’azienda nello specifico e del mercato in cui opera. Per tutte le forme di investimento, ricordate di tenere in debita considerazione la valuta di riferimento, dal momento che un eventuale investimento in dollari sarebbe influenzato dalle oscillazioni dello stesso.

A questo punto non resta che identificare un broker di riferimento, tale che possa gestire i prodotti di nostro interesse e utilizzarlo peri i propri movimenti e per monitorare i rendimenti o le perdite raggiunte, così da poter intervenire in maniera tempistica. Prima di tuffarvi nell’ investimento, vi consigliamo di aprire un conto demo e verificare l’andamento dei vostri titoli e la vostra abilità di gestione dello strumento. Si tratta di un momento molto importante, che vi permette di non sottoporvi a rischi imprevisti. I broker online offrono inoltre una serie di grafici e di analisi, molto utili per comprendere meglio i vari strumenti e l’andamento specifico del titolo scelto.